Grotta di Benagil

Le grotte più belle d’Europa

Sebbene non tutti siano propensi a visitare le viscere della Terra, il consiglio è di tentare, soprattutto se si ha l’occasione di ammirare da vicino una delle grotte più belle d’Europa. Al suo interno si potrebbero con sorpresa scoprire dei mondi paralleli e misteriosi, dei posti magici e vagamente inquietanti che vale davvero la pena conoscere.

Non è un caso che negli ultimi anni questi luoghi stiano attirando sempre più turisti incuriositi ora dalle bellezze naturali del posto, ora dalle testimonianze storiche spesso qui presenti.

Le grotte italiane

Le Grotte di Matera, ad esempio, sono state trasformate da un fantasioso imprenditore in alloggi di lusso ed in alberghi davvero particolari.

Le Grotte di Borgio Verezzi (site in Liguria) sono invece un prodigio geologico: le sostanze che compongono la roccia, reagendo con l’aria e l’acqua, hanno nei secoli colorato questi antri arricchendoli di sfumature riflesse nelle acque di vari laghetti sotterranei.

Ancora diversa è la Grotta di Is Zuddas, in Sardegna. Essa è il risultato di una costante azione erosiva dell’acqua esercitata sulla roccia carsica: qui sono nate diverse stanze variamente decorate da formazioni geologiche naturali.

Le Grotte di Scicli infine sono oggigiorno diventate piccoli alloggi.

Le grotte della Penisola Iberica

In Spagna degne di nota sono la Cueva del Drach, Maiorca, e la Cueva de Altamira, Cantabria. Nel primo caso stalattiti e stalagmiti di forma, grandezza e colori differenti vi stupiranno con la loro suggestiva presenza. Inoltre, percorrendo la grotta sino a raggiungere i 25 metri sottomarini, troverete un lago sotterraneo reso più affascinante dal diffondersi delle note di un concerto di musica classica. Nel secondo caso invece vedrete dei (falsi) graffiti di epoca paleolitica. Questa grotta è infatti una replica di quella vera e propria, ormai del tutto danneggiata dalla natura e dall’intervento umano.

Bisogna spostarsi in Portogallo, a Carvoeiro, per ammirare la Grotta di Benagil, in cui è possibile accedere soltanto durante la bassa marea. Qui le acque dell’Oceano hanno eroso le pareti prodigiosamente illuminate dai raggi del sole conferendogli una caratteristica forma a cupola.

Le grotte turche

E perché non visitare le Grotte della Cappadocia? Qui il vento ha dato vita ad antri usati dai Bizantini per costruire chiese di indubbia bellezza e dalle popolazioni più moderne per dar vita a piccoli alloggi per turisti.

Le grotte del Nord Europa

Le Grotte di Ghiaccio, in Islanda, si formano annualmente dopo il disgelo che segue alla primavera ed il conseguente ritorno dell’inverno. Il loro aspetto cambia quindi di continuo.

La Grotta di Fingal in Scozia invece si regge su pilastri basaltici aventi tutti forma rigorosamente esagonale. I suoni qui udibili sono armoniosi e suggestivi.

Le grotte in Slovenia, Grecia e Bulgaria

In Slovenia è d’obbligo visitare le Grotte di Postojnska, uniche al mondo per la presenza di una piccola ferrovia e di un sentiero pedonale. Qui storia, leggenda e modernità si fondono in un legame indissolubile.

In Cefalonia invece sarebbe consigliabile fare una visita alla Grotta di Melissani in cui, a 39 metri di profondità, è visibile un lago illuminato dal sole e contornato da varie formazioni geologiche.

Grotta di Melissani
Grotta di Melissani

In Bulgaria si consiglia di far visita alla Grotta di Devetàshka, un tempo rifugio per gli uomini ed oggi per i pipistrelli. Suggestiva è l’architettura naturale di questo posto.

Grotta di Devetàshka
Grotta di Devetàshka