Amalfi

Costiera amalfitana in barca a vela

Ma quanto può essere romantico e suggestivo un viaggio in barca a vela che segua il bel profilo della Costiera Amalfitana? Vi sembrerà di vivere dentro un quadro in cui la natura sia ritratta nel pieno del suo vigore.

Anche gli odori vi travolgeranno: il mare, i limoni, la salsedine, le arance e chi più ne ha più ne metta.

Ma non basta già tutto ciò ad incantarvi? Del resto se questo angolo d’Italia è stato recentemente dichiarato dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità un motivo dovrà pur esserci…

A chi rivolgersi?

Diciamo che in Italia, per fortuna, si sta riscoprendo il gusto per la vita in mare ed il piacere di visitare le zone costiere non soltanto per concedersi un tuffo e regalarsi una bella tintarella.

Al giorno d’oggi le agenzie attive nel settore del noleggio barche in Italia sono davvero molte. Tra di esse ci permettiamo di segnalarvi https://www.spartivento.it.

L’itinerario

Partiamo dal presupposto che chi dice Campania dice ricchezza culturale e paesaggistica. Selezionare delle mete piuttosto che delle altre proprio per questo motivo non è semplicissimo in tale zona: fidatevi, c’è davvero molto da vedere.

Un itinerario standard, almeno per quanto riguarda il periodo compreso tra primavera ed estate, potrebbe essere quello che vi porterà a Napoli o a Salerno (magari potreste scegliere queste bella città come punto di partenza). Nel primo caso vedrete il Vesuvio sempre più in lontananza svettare sul capoluogo campano, nel secondo un mare con tante sfumature e tonalità di blu da farvi pensare di essere finiti in una cartolina.

Quale che sia la vostra base, per così dire, come potrete resistere alla tentazione di dirigervi verso Capri (dove sarà d’obbligo una visita alla Grotta Azzurra), Positano, la baia di Nerano ed Amalfi? Si tratta di luoghi capaci di incantare e mozzare il fiato che tra poco vedremo meglio nel dettaglio. Intanto immaginate una cena sotto la luna piena, sul mare e all’ombra dei faraglioni; più atmosfera di così è quasi impossibile!

E che dire dei fondali di Punta Campanella? Qui flora e fauna disegnano scenari pazzeschi che, se potete, potrete ammirare magari concedendovi un po’ di diving o dello snorkeling. Certo, una volta a Nerano non potrete esimervi dall’assaggiare una mozzarella di bufala DOC o i tipici spaghetti alla Nerano. E perché non concedersi qualche oretta per visitare anche il paese magari accordandosi anche una capatina alla Marina del Cantone?

Positano poi è tutta un programma: le sue stradine sono un sogno ad occhi aperti, romantiche, piene di terrazze, case variopinte e suggestive scalinate. Concedetevi poi una breve visita alla vicina Grotta dello Smeraldo e, perché no, anche al Fiordo di Furore; ne uscirete davvero rigenerati!

Ed infine Amalfi: cosa dire di questa cittadina che un tempo fu talmente ricca e fiorente da diventare una delle quattro repubbliche marinare d’Italia? Se siete interessati al turismo culturale potrete visitare il Museo della Carta oltre che alle strade e ai vicoli del paese. Ah, se capitate qui durante l’orario dei pasti non lasciatevi sfuggire l’occasione di assaggiare gli scialatielli all’amalfitana: anche in questo caso non ve ne pentirete.