Grotte di Morigerati

Come vestirsi per visitare le Grotte di Morigerati

L’Oasi WWF di Morigerati è un geosito di grande rilevanza per il fenomeno carsico che caratterizza le grotte. Si trova nel comune di Morigerati all’interno del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano.

E’ un’area di circa 600 ettari che il WWF ha scelto di conservare e tutelare per la varietà di specie animali e vegetali che qui creano un ecosistema molto raro e particolare.

Il fiume Bussento scorre in un affascinante canyon naturale che le acque hanno scavato nel tempo e di una bellezza unica sono le gole e le grotte che il fenomeno carsico ha generato. Il fiume per un tratto di 5 km scorre sotterraneo e poi riemerge in prossimità dell’Oasi.

Qui è possibile ammirare le particolari grotte immerse in una natura incontaminata e selvaggia, caratterizzata dalla presenza di felci, muschi, macchia mediterranea, salamandre, lontre e trote.

Come arrivare alle Grotte di Morigerati

Le Grotte di Morigerati e Bussento sono visitabili percorrendo un sentiero che parte dal centro storico del paese e attraverso un lungo un ruscello con sorgenti, cascate e un antico mulino, giunge fino alla grotta principale.

Per arrivare qui ci si addentra nella zona del WWF e si seguono le indicazioni per la grotta della Risorgenza. Questo luogo è un’unica grande stanza che lascia senza parole: una volta fuori si può scendere più in basso e ci si ritrova in un posto fiabesco dove i muschi avvolgono alberi e rami e il rumore dell’acqua è l’unico suono udibile.

Abbigliamento per la visita alle grotte

Il WWF per consentire a tutti di poter ammirare tale bellezza organizza tutto l’anno visite guidate, settimane verdi e campi studio.

La visita all’Oasi di Morigerati e alle grotte deve essere affrontata con un abbigliamento adeguato in modo da poter affrontare in sicurezza tutte le difficoltà che si incontrano sul percorso.

Contrariamente a quanti molti pensano non si tratta di una zona turistica accessibile con facilità per cui non è possibile visitare il luogo se non si è dotati dell’equipaggiamento necessario.

Nell’escursione si scenderà nelle grotte e le rocce sono scivolose e umide per cui sono consigliate scarpe da trekking, binocolo, torcia elettrica, borraccia e macchina fotografica. Per organizzare al meglio la vacanza e trovare l’attrezzatura giusta per il viaggio il consiglio è quello di visitare il sito www.besty5.com, dove troverai anche pratici trolley per trasportare gli oggetti personali.

Il tragitto è piuttosto lungo e impervio e il fondo in alcuni punti è instabile; le misure di sicurezza e l’attrezzatura vi permetteranno di scovare bellezze nascoste, un paradiso inaspettato che non si può raccontare ma soltanto vivere di persona.

Le meraviglie del Cilento

Il Cilento è terra e mare e ci sono luoghi di grande interesse storico e archeologico che vale la pena di visitare. Non lontano da qui si trovano l’area archeologica di Paestum e le Grotte dell’Angelo a Pertosa. Monumenti, antichi borghi, grotte e un paesaggio tutto da scoprire all’interno del parco nazionale del Cilento, una tra le mete turistiche più visitate in Italia.